OMAR RONDA

p1020976x-facebook
Ronda - Genetic fusion
Ronda - Genetic fusion
Ronda - Genetic fusion
Ronda - Kimera
Ronda - Kimera
Ronda - Kimera
Ronda - Marilyn frozen
Ronda - Marilyn frozen
Ronda - Angelina frozen
p1020413
p1020416
12096547_434420363427125_6730289058897090941_n
12118913_434420386760456_6914042058221020023_n
12115760_434420220093806_1670944258713677476_n

BIOGRAFIA

Omar Ronda nasce a Portula (Biella) l’11 settembre 1947.
Nel 1969, a soli ventidue anni fonda la Galleria Il Grifone a Borgosesia poi il Tritone e Atrium a Biella.
Nel 1973 passa un intero anno a New York dove conosce Leo Castelli ed Eleana Sonnabend e tramite loro Rauschenberg, Warhol, Dine, Wesselmann, Twombly, Lichtenstein, Indiana, Oldemburg, fino ai minimalisti Sol LeWitt, Carl Andre, Bob Morris ed altri. A New York conosce e frequenta Basquiat e Keit Haringcon il quale si lega in un rapporto di vera amicizia. In America si documenta sulla vita di Marilyn Monroe frequentando la farm di Andy Warhol, l’abitazione di Truman Capote del fotografo Bern Stern e di Eunice Murray che fu governate dell’attrice. Collabora con Marie Louise Janneret a Ginevra e nel suo Museo di Boissano dove soggiorna con Andy Warhol e altri artisti. Nel 1974 fonda Dialoghi Club, una casa editrice che produce opere grafiche e libri di Artisti Italiani tra i più conosciuti del secondo novecento e diviene in breve tempo la più importante realtà in campo internazionale con oltre seimila iscritti.

Nel 1975 crea International Art Trade, la prima banca dati per l’arte al mondo e pubblica una lettera finanziaria mensile che raccoglie tutte le vendita all’asta di opere antiche e moderne in campo globale con dati forniti dalle principali case quali Sotheby’s, Christie’s, Hotel Drouot, ecc. Nel 1990/91 chiude tutte le attività commerciali per dedicarsi alla sua arte e realizza installazioni estreme vivendo per sei giorni e sei notti in piramidi installate sulla vetta del Monte Bianco a 4800 metri di quota,nelle grotte di Is Zuddas in Sardegna e sotto al reattore del Cracking Catalitico della raffineria Saras Petroli di Moratti.

Tra il 1989 e il 1991 realizza una serie di opere conosciute come Genetic Fusuion e nel 1991 da vita alla serie conosciuta come Frozen.
Nel 1992 entra a far parte di movimenti artistici quali Agravitazionale, tiene varie conferenze e dibattiti nella Accademie di Belle Art di Brera a Milano, Firenze e Brergamo Nel 1993 fonda il gruppo Cracking Art con alcuni giovani artisti e con questi organizza mostre ed installazioni utilizzando animali in plastica.

Dal 1993 in poi è un susseguirsi di mostre ed eventi e nel1999 Il Prof. Piero Adorno inserisce il suo lavoro nei testi scolastici del circuito istituzionale Italiano.
Nel 2001 arriva il primo invito ufficiale con partecipazione alla 49° Biennale Internazionale d’Arte di Venezia curata da Harald Szeemann. Nel 2007 conosce il multimiliardario Paul Allen fondatore di Microsoft e socio di Bill Gates, sulle sue navi Octopus, Tatoosh e Meduse allestisce installazioni e conosce Angelina Jolie, Brad Pitt, Bono, Edward Norton, Sean Penn e molte altre star del cinema americano.
Realizza alcuni ritratti Frozen Eternity Life dove ingloba nella materia plastica anche il D.N.A. del soggetto ritratto

Viene inviatato alla 46° Biennale Internazionale d’Arte di Venezia 2011 Padiglione Italia Curatore Vittorio Sgarbi ed ad altre manifestazioni di respiro internazionale
Nel 2010 il Presidente Giorgio Napolitano gli conferisce al Quirinale il Premio alla Carriera Personalità Europea e nel 2011 lo nomina Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica. Nel 2013 Collabora attivamente con Pepi Marchetti Franchi della Larry Gagosian Gallery di Roma e N.Y. Pubblica un romanzo “ Marilyn Monroe, una vita bruciata” e allestisce altre mostre al Castello Paleologo di Casale Monferrato a cura di Philippe Daverio e al Castello di Rivara con Franz Paludetto.

Fonda due Web Gallery, Global Art Trading e Global Art Trading Arte@Rate che coinvolgono oltre un centinaio di artisti internazionali. Collabora con importanti organizzazioni per la tutela ambientale quali WWF Italia, Greenpeace e For Planet di Tessa Gelisio – Realizza un suo Museo Privato, la Wunderkammer più grande del mondo Nel 2014 Entra in Saatchi & Saatchi Gallary. Partecipa a Plastica Italiana.

Fonda il Museo M.A.C.I.S.T. alias Museo d’Arte Contemporanea Internazionale Senza Tendenze a Biella del quale ne è Direttore e affida la curatela a Philippe Daverio.
Nasce la Fondazione Omar Ronda per la tutela, la divulgazione, l’archiviazione e la pubblicazione dell’opera del maestro.

Omar Ronda sta realizzando un testo/documento dal titolo “Plastica e Arte nella civiltà dei polimeri” con il contributo di numerosi critici, storici, studiosi e scienziati.
Centinaia sono i libri e i cataloghi pubblicati dai principali editori Italiani e migliaia i testi critici e gli articoli divulgati in tutto il mondo.