Nuovo percorso espositivo: leggerezza, allegria e rinascita

Dopo l’isolamento sociale al quale ci ha costretti il Codiv-19, riapre la Galleria Berga proponendovi opere che da un lato segnano un percorso espositivo di gioia e leggerezza, desiderabili in questo momento storico, dall’altro manifestano la qualità della ricerca di tanti singoli artisti. Sono personalità di spicco nelle diverse fasi del Novecento – Tano Festa,Giuseppe Chiari,Luca Alinari,Omar Ronda –, accanto ai contemporanei: Alberto Rapetti Mogol,Vittorio Valente,Francesco Maria Caberlon e l’inglese Benjamin Bubb.

Il percorso inizia a destra con il dittico Cloud, operadell’artista visuale Benjamin Bubb(UK, 1992) che emoziona per il modo di diffondere sulla tela l’impalpabile e a lungo osservata luce del cielo. Segue Coriandolidi Tano Festa(Roma, 1938 – 1988) dove l’artista esprime, proprio nel lancio dei coriandoli in aria, tutta la libertà della pittura gestuale raggiunta dall’Informalenegli anni Settanta-Ottanta. Invece l’eclettico Omar Ronda(Portula, 1947 – Biella, 2017) amò a tal punto la bellezza femminile da inventare Frozen, una tecnica a base di materiale trasparente (plastighiaccio) per ibernare, nel vero senso della parola, icone di stile e straordinaria bellezza quali Marylin Monroe e Brigitte Bardot.

Omar Rondafu anche uno dei fondatori della Cracking Artgrazie a cui ridisegnò il rapporto uomo-natura, riproducendo in plastica riciclabile animali come la rossa Kimera.

A questo punto il percorso espositivo incontra le Grigliedi Vittorio Valente(Asti, 1954), un artista-scultore contemporaneo che interpreta il rapporto tra arte e scienza riproducendo il mondo dal di dentro – cellule, batteri, virus – grazie alla duttilità del silicone colorato. Mentre il vicentino Francesco Maria Caberlon(1963) testa la versatilità dei linguaggi mediatici e li rappresenta in uno stile neo-pop, ancorato alla decorazione e al design.

AncheGiuseppe Chiari(Firenze, 1926 – 2007) prese parte al movimento della Cracking Artsviluppando una produzione figurativa spesso ridondante di immagini e segni. Giuseppe Chiarifu pure compositore e all’interno del movimento internazionale Fluxusmise a punto il concetto di “musica visiva”. Un traguardo a cui giunge, a distanza di tempo, Alfredo Rapetti Mogol(Milano, 1963), compositore non di note ma di testi musicali che, nella veste di artista, traspone la sua scrittura – poesia pura –  in “parole dipinte” su tavola e carta.

Chiude il percorso espositivo Luca Alinari, un artista davvero colto e grande sperimentatore di tecniche pittoriche. Opere come Equinozi mentalie Farfallemostrano oggetti e figure che si librano con leggerezza in atmosfere fantastiche e surreali. Sono iconografie gioiose e delicate con le quali la Galleria Bergasi congeda dal suo pubblico e si augura, come vivamente crede, che la fruizione artistica possa contribuire a un ritorno, anche migliore, alla “normalità”.

 

Monica Castellarin

storico dell’arte

 

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *